Maria Domenica Piccatti
le poesie

Maria Domenica Piccatti

le poesie

VELOCITÀ

Sei precipitato nel mio mattino
come un seme piccino –
che in poche lune –
ha rimboscato il bosco.

DEL TEMPO DEI POETI

Invidio ai poeti – del tempo –
la munificenza del tempo.
Una pianura di ore senza il rintocco –
usanza di scrivere al di là di restrizioni.

Per me – che più sfinita lotto –
nel disbrigo di dure incombenze –
per me – soltanto le ore della notte
che – disperata – al sonno scippo.

CIÒ CHE GIRA

Ciò che gira attorno all’uomo –
sempre buono è – se della Natura
s’intende lo scenario.

Ciò che gira dentro – per pochi
è – innocenza regale –
per tutti gli altri – soma bestiale.

LETTERA SIGILLATA

Tra la lettera e la mano
un palmo d’intarsio.

Mi tenta l’aprirla come –
dentro la siccità –
al capriolo tenta
il fosso della piana.

Là – refrigerio di – vita –
qua – una parola di – sole.

Ma più infocato l’insicuro celarsi:
cattura e morte – insulto e dolore.
Ahimè, come si genuflette alla notte
l’anima mia – e a lei – sigillata.

NATURA MATRIGNA

Di nessuno – la Natura – è matrigna.
Se a volte appare – indifferente –
sì è ché – in tristezza intenta –
a sbocciare il fiore che tu calpesti.

GENEROSITÀ E ORGOGLIO

Che sei generoso – lo so –
lo hanno detto – i gesti –
compiuti distanti – per me –
a me giunti – da te.

Ma la tua parola!
Autocrazia del fulmine –
imperiale orgoglio
al Divino Zeus sottratto.

TERRA MIA CANAVESANA

Non so come, improvvisa – più grande –
Terra mia Canavesana – senz’orli
o damaschi d’arie – punti di passaggio –
viva di boschi, prati – senza la – misura.

Ti concepivo conosciuta al di là dei silvestri –
tuo limite coesivo con me – sicurezza –
amata, abbracciata, carezzata – splendida
mia umida voglia o – meraviglia incantata.

Ora – che un bacio regale mi giunge
dall’altro tuo morbido estremo –
ora – fa tristezza la vastità –
distesa tua di luce che non intuivo

a scivolarti completa sotto il ciglio –
battito sontuoso – forse precario e pauroso –
forse – bello – traiettoria sinuosa –
interna ed esterna – Amata mia Terra!

L'UMANO

Quell’infinito di aromi –
il loro profumo di lilla –
un crescere accosto alle alture
o nel basso strato della terra.

Questo sentire umano è –
mortale – con sua fine – vero –
ma così bello che – ad ogni palpito
ti pare, del cielo, intravedere Dio.

ANIMA BRUTTA

Per quanto un’anima
si autodefinisca brutta –
per quanto creda esserlo –
per quanto lo sia –
viene un’ora –
nessuno sa quando né perché –
un sole piomba giù –
o un raggio – su essa –
tanto Onnipotente
da smarrirla e –
per un istante – abbellirla.