Armando Santinato
le poesie

Armando Santinato

le poesie

Più bella del sole

a Paola Toscano
che porta radici dell’Isola bella

Sicilia
spunti più bella del sole
l’onda ti cinge d’antico miraggio
pasci la greggia fra cespi di viole
dal picco zufola il bianco villaggio

E tu sai
d’ogni segreto passaggio
e ti porti nel cuore la tua prole
non fai le spole di vile servaggio
ma dai coraggio con strette parole

Ride sicura
la bruna fanciulla
canta la cruna melodie nostrane
storie di cuori al chiarore di luna

Figlia dell’onda
or muovi la fortuna
là dove tornano voci lontane
all’ombra che dolce si trastulla

Torino, 15 dicembre 2004, ore 22.10

Resti come un fiore

a Flora
recisa nel fiore della vita

L’argine
giunge sospinto dal pianto
torna la barca vestita di nero
in gola tace il piacere del canto
occulto resta il senso del mistero

Luceva
l’occhio tuo d’un lume santo
correvi più veloce del pensiero
l’oro tenevi nascosto nel manto
ignara dell’insidia entro il sentiero

Dolce mia Flora
resti come un fiore
cresciuto sull’altare per le feste
una fiamma tra nobili fiammelle

Ora
non ti dimentica l’amore
per te s’accende l’armonia celeste
ancor più bella tu sei fra le stelle

Torino, 22 ottobre 2004, ore 9.07

Non ti stupire

a Norina
perché non si dimentichi

Eri forse
la più bella del paese
per te spuntavano i giovani cuori
pronti a sfidare ciclopiche imprese
ma tu occultavi altrove i tuoi tesori

Forse per me
solo stavano tese
porte socchiuse fra dolci timori
non ti pungeva l’ombra delle attese
l’ansia ti punse di loschi signori

Allora
un velo coperse d’amore
l’orma segreta che torna nei sogni
e rivive nel cuore della vita

Tu
resti viva fra queste mie dita
fiammeggi ancora di gioia e dolore
che l’amore di me non si vergogni

Torino, 22 ottobre 2004, ore 9.15

Non più come un gioco

a Oliva
che non c’è più

Stanca
del nostro gioco sei partita
sparse sul banco restano le carte
restano sole al lume della vita
con te portasti le magie dell’arte

Ricordi
quando stringesti le dita
fra le mie dita là dove si parte
il giorno d’ogni più bella salita
dove il cuore si fa campo di marte

Non rivedrò mai più quel tuo sorriso
all’ombra d’una tenera promessa
né sognerò altre scommesse d’amore

Un vuoto hai lasciato nel mio cuore
l’oscurità si fa sempre più spessa
eppure ancora s’indora il tuo viso

Torino, 12 ottobre 2004, ore 17.55

Non calpestate la mia carena

a Paola Zuccolin
pittrice veneziana

Dolce mia terra
mi spunti nel cuore
ancor più dolce d’un raggio di sole
l’eco riprende gorgheggi d’amore
tra verdi prati fioriti di viole

Chioggia
rispunta nel primo chiarore
curva tra reti nel ventre di gole
tira la prora il vecchio pescatore
là dove a pioggia scendono le grole

Fra stormi
d’isole spunta San Marco
un sogno vivo per la mia barena
nobile troppo per gente di pesca

Fra cespugli
di sterpi resta un varco
là dorme ancora l’ultima carena
pronta m’aspetta la canna con l’esca

Torino, 2 ottobre 2004, ore 15.20

Pater noster

a Marcella Artusio Raspo,
Francesca Altavilla e Marco Chiari
che la scala prestano alla melodia dei cantici

Padre
che d’ogni segno
non ti sfugge il punto
ferma l’orbita del male
tieni la mano che spacca e distrugge
salva chi fugge l’incubo infernale

Non senti l’urlo
che d’antico rugge fra sterpi
noti al conteso crinale
non più fratelli per l’erba che mugge
si picchiano per un pugno di sale

Vitreo diventa
lo specchio del cuore
tace l’amore fra scosse di pianto
cessa lo schianto sul filo di morte

Triste destino
trafigge la sorte
fratelli contro fratelli
nel santo nome d’un Padre comune

Padre
cessent jurgia maligna
cessent lites

Libera
giri la giostra sul prato
gridino i bimbi sull’ali del vento
l’arco si curvi su d’ogni colore

A peste a fame a bello
libera nos Domine

Torino, 3 marzo 2006, ore 23.05

L'ultima notte

ai poeti
Massimiliano Irenze
e Alfredo Pugno che la poesia tentano
con le magie del frutto proibito

Stasera
dolce solitudine
mi riempi di tenerezza

L’eco
riporti nel canestro
della mia fanciullezza

L’incanto
di quelle stagioni
bruciate dal sole

Tanta gente
sparsa sui campi
tra cespugli di parole

Gigante
mi facevi
fra le torri della malaria

A sera
tu non c’eri favola nera
tra le faville del focolare

Sei comparsa poi
ma troppo tardi per dirti
quel che non posso dirti mai più

Torino, 31 dicembre 2001, ore 23.30