Autore : Giorgio Bárberi Squarotti - inserita il 29/11/09

Astro di luce gelido e patetico
cuore nel lungo tremito di sogno
di durevoli baci e voci e immagini
dipinti sopra i fogli dove a scatto
furono scritti segni di impossibile
amore o altro romanzo: nome o meno
ancora del passaggio nel mattino
di un corpo colmo, di un sorriso incerto,
di un’attesa vuota o se si affaccia
a una finestra stretta, apre la tenda
dorata, guarda nuda il mio futuro
che non c’è.

Pisa, 29 gennaio 2001