poesie

Non calpestate la mia carena

Autore : Armando Santinato - inserita il 20/11/09

a Paola Zuccolin
pittrice veneziana

Dolce mia terra
mi spunti nel cuore
ancor più dolce d’un raggio di sole
l’eco riprende gorgheggi d’amore
tra verdi prati fioriti di viole

Chioggia
rispunta nel primo chiarore
curva tra reti nel ventre di gole
tira la prora il vecchio pescatore
là dove a pioggia scendono le grole

Fra stormi
d’isole spunta San Marco
un sogno vivo per la mia barena
nobile troppo per gente di pesca

Fra cespugli
di sterpi resta un varco
là dorme ancora l’ultima carena
pronta m’aspetta la canna con l’esca

Torino, 2 ottobre 2004, ore 15.20