poesie

TERRA MIA CANAVESANA

Autore : Maria Domenica Piccatti - inserita il 23/11/09

Non so come, improvvisa – più grande –
Terra mia Canavesana – senz’orli
o damaschi d’arie – punti di passaggio –
viva di boschi, prati – senza la – misura.

Ti concepivo conosciuta al di là dei silvestri –
tuo limite coesivo con me – sicurezza –
amata, abbracciata, carezzata – splendida
mia umida voglia o – meraviglia incantata.

Ora – che un bacio regale mi giunge
dall’altro tuo morbido estremo –
ora – fa tristezza la vastità –
distesa tua di luce che non intuivo

a scivolarti completa sotto il ciglio –
battito sontuoso – forse precario e pauroso –
forse – bello – traiettoria sinuosa –
interna ed esterna – Amata mia Terra!